Associazione di volontariato di Protezione Civile
info@raggruppamentospecialeprociv.org

UNISCITI A NOI!

COME DIVENTARE VOLONTARIO DI PROTEZIONE CIVILE

Raggruppamento Speciale di Protezione Civile - Volontari di protezione Civile a Perugia

Il volontariato è ad oggi una componente fondamentale, se non altro la più vitale all’interno del sistema italiano di Protezione Civile. Rappresenta, infatti, una risorsa straordinaria sia in termini di competenze sia di capacità tecnico-organizzative che può contare oltre 4 mila organizzazioni presenti in tutto il Paese, di queste circa 120 organizzazioni sono istituite all’interno della Regione Umbria.
Ciascuna organizzazione si compone di uomini e donne che decidono spontaneamente di mettere a disposizione il loro tempo e le loro energie per attività di prevenzione e soccorso alle popolazioni in situazioni di calamità ed emergenza. Il mondo del volontariato presenta al suo interno una vasta tipologia di specializzazioni e competenze settoriali, tra cui: il soccorso e l’assistenza sanitaria, l’antincendio boschivo, le telecomunicazioni, l’allestimento dei capi di accoglienza, la tutela dell’ambiente e dei beni culturali.

Per poter entrare a far parte del nostro Raggruppamento è necessario:

Il nostro gruppo organizza ogni anno un corso base di formazione per volontari di Protezione Civile, che si tiene presso la nostra sede (Via dell’Aeroporto snc – Sant’Egidio) in orario serale e consta di lezioni frontali teoriche ed esercitazioni pratiche. Il programma previsto riguarderà tutto ciò che concerne la Protezione Civile e la gestione delle emergenze, più nello specifico: l’organizzazione locale e nazionale della Protezione Civile; il ruolo e la figura del Volontario; le nozioni di Pronto Soccorso e le varie tipologie di rischi; il Piano di Gestione delle Emergenze; gli elementi di cartografia e la psicologia del soccorritore.
Il percorso formativo culminerà con un esame finale, da svolgersi presso il Centro Regionale di Protezione Civile sito a Foligno (PG), costituito da due prove pratiche (montaggio tende ed uso radio) ed una prova scritta (test a risposta chiusa sulle principali nozioni di Protezione Civile, affrontate durante il corso di formazione). Una volta superate positivamente tutte le prove, si otterrà il relativo diploma che renderà operativo il volontario e gli consentirà, dunque, di entrare a far parte del gruppo di Protezione Civile scelto.
Al momento dell’iscrizione presso il gruppo e/o organizzazione al volontario si potrà richiedere di: compilare una scheda di iscrizione accompagnata da fototessera, presentare un certificato medico specifico e la fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità. Se previsto, potrà essere richiesto il versamento di una quota di iscrizione a cadenza mensile, che consentirà al singolo gruppo autofinanziato di acquistare tutta l’attrezzatura utile per lo svolgimento delle molteplici attività che si andranno a compiere, di volta in volta, durante le situazioni di emergenza/calamità e non solo.
I volontari durante tutto l’anno saranno chiamati a partecipare a corsi di formazione o giornate di esercitazioni, organizzati da Comuni, Province, Regioni, Dipartimento della Protezione Civile o dalla propria organizzazione di appartenenza.

Il volontariato e le singole associazioni, iscritte al Registro Regionale, sono tutti soggetti a precise norme di tutela. E’, infatti, previsto che il volontario che presta il suo tempo in maniera del tutta gratuita e che pertanto si assenta dal proprio posto di lavoro, conserva il diritto al mantenimento della sua normale retribuzione. Ciò significa che in caso di impiego in attività di protezione civile il volontario stesso non perderà il compenso della giornata, che sarà interamente rimborsato dallo Stato al datore di lavoro pubblico o privato che sia. E’ inoltre prevista una copertura assicurativa, che assicura il singolo volontario contro i rischi di responsabilità civile verso terzi, gli infortuni e le malattie professionali.
E’ poi previsto il rimborso alle associazioni di volontariato per le spese sostenute nelle varie attività di soccorso, simulazioni, emergenze e corsi di formazione.

Vogliamo infine sottolineare come la volontà ed il desiderio di divenire volontario di Protezione Civile, collaborando assiduamente nelle opere di soccorso ed emergenza, è un modo valido di esprimere valori umani di solidarietà, di altruismo, di responsabilità sociale, di ottimismo e di senso civico.